Il Sottoscala Per Abbado un Albero in Piazza Scala

1 Ottobre 2012

UNA VOCE FUORI DAL CORO

Filed under: Comunicati Cub — Lavoratoriscala @ 22:00

                                                                    

Alla ripresa delle attività di spettacolo del “Teatro alla Scala”, le acque ferme ed un po’ melmose dello stagno sono state mosse dal sasso lanciato dai Rappresentanti del Coro.

Con una lettera inviata al Sovrintendente Stéphane Lissner, al Direttore Generale Dott.ssa Maria Di Freda ed al Direttore del Personale Dott. Marco Aldo Amoruso e, per conoscenza, ai Segretari Nazionali di CGIL-CISL-UIL_FIALS, i Rappresentanti del Coro hanno denunciato l’assunzione con contratto professionale di un baritono del Coro andato in pensione. Tutto ciò in violazione del Contratto Nazionale e in totale disprezzo delle graduatorie, formate a seguito delle audizioni del maggio 2012, e delle persone che in essa compaiono.

Il mal fatto è stato ulteriormente aggravato in quanto il baritono in pensione e che ha concordato con il Teatro il suo rientro in servizio è Rappresentante Sindacale della Cisl.

E’ inquietante che la Direzione Scaligera faccia simili “favori” alla Cisl ed ai suoi rappresentanti a danno di artisti che si erano meritati il loro posto in graduatoria ed ai quali spettava il subentro, ma aggiunge inquietudine il fatto che i rappresentanti di CGIL,CISL,UIL,FIALS non abbiano sinora detto nulla al riguardo.

Probabilmente, il silenzio è il prezzo che si paga per aver da decenni partecipato alle “spartizioni”, ma noi non ci stiamo.

La CUB di Milano e della Scala sono totalmente d’accordo con i membri della Commissione del Coro e siamo pronti a sostenerli in tutti i modi e sedi possibili, sia sindacali che legali.

Abbiamo richiesto alla Direzione Scaligera ed a Giuliano Pisapia un incontro urgente finalizzato a far rientrare le modalità di subentro come da graduatoria nel coro in un regime di correttezza e di rispetto dei Contratti e far sì che questo pericolosissimo precedente per la vita del Coro della Scala venga rimosso.

Qualora tutto ciò non dovesse rientrare, chiederemo ai lavoratori del Coro Alla Scala di decidere con noi le azioni da intraprendere.

NOI SIAMO CON I LAVORATORI E SIAMO FUORI DAL CORO DEI REGGICODA DELLA DIREZIONE TEATRALE.

CUB INFORMAZIONE TEATRO ALLA SCALA.

CUB INFORMAZIONE MILANO

Milano, 01/10/2012

Vedi Raccomandata anticipata via fax al Sindaco e alla Direzione Scala.

10 Comments »

  1. Scala, la rivolta dei coristi
    Sindacalista in pensione toglie il posto ai colleghi

    Nel mirino delle polemiche Maurizio M., andato in pensione nel luglio scorso e ri-assunto dalla dirigenza di via Filodrammatici con un contratto professionale di un anno

    di Nicola Palma
    Il Giorno Milano

    Milano, 28 settembre 2012 – Scala, scatta la rivolta del coro. Nel mirino finisce il baritono e delegato sindacale Cisl, Maurizio M., andato in pensione nel luglio scorso e ri-assunto dalla dirigenza di via Filodrammatici con un contratto professionale di un anno. Sottraendo di fatto, secondo i suoi colleghi, il posto a uno dei tre candidati risultati idonei nelle audizioni svolte all’ex Ansaldo.

    A sollevare il caso, sono stati proprio i quattro membri del coro inseriti nella commissione che ha giudicato i partecipanti al bando internazionale per “assunzione a termine alla Scala di Milano”: tre giorni fa, Luciano Buono, Vincenzo Alaimo, Maria Gabriella Ferroni e Kjersti Odegaard hanno inviato una lettera al sovrintendente Stéphane Lissner nella quale censurano il comportamento dei vertici di via Filodrammatici e si dissociano “totalmente dalla uniterale decisione della Direzione del Teatro relativa alla priorità nelle assunzioni”.

    La vicenda è raccontata punto per punto proprio nella missiva recapitata anche al direttore generale Maria Di Freda e al direttore del personale Marco Aldo Amoruso: a maggio, le audizioni ad hoc “hanno portato alla formazione di una graduatoria di idonei, che annovera diversi nominativi di persone aventi diritto alla chiamata, nelle varie sezioni del coro messe a concorso”. Quando due mesi fa si è liberato un posto da baritono per il pensionamento per raggiunti limiti d’età del sessantunenne M., si sarebbe dovuto procedere, “come dispone il vigente contratto nazionale di lavoro”, all’assunzione a tempo determinato di personale artistico “attingendo alla graduatoria degli idonei che, in virtù delle audizioni espletate, riporta i signori G.C. e L.B. al primo e secondo posto di tale graduatoria di merito”.

    Secondo la denuncia dei quattro esaminatori, la Fondazione “ha contrattato col signor M., ormai pensionato, un contratto professionale della durata di un anno, procedendo così a una “chiamata diretta” e scavalcando sia la norma contrattuale che la posizione dei lavoratori aventi diritto”.

    Così M. ha preso regolarmente parte alla tournée moscovita di due settimane fa, “ed è attualmente dipendente retribuito dal teatro con contratto professionale fino al 25 luglio 2013”. Agli artisti esclusi, invece, è stato proposto un accordo di tre mesi (a partire dal 24 settembre), “in vista della produzione del 7 dicembre”. Il caso ha scatenato le proteste del coro, tanto che i sindacati hanno dovuto convocare un’assemblea urgente: nei prossimi giorni, anche i delegati invieranno una lettera a Lissner. “Abbiamo chiesto spiegazioni — fa sapere la Uil — ma le risposte non ci hanno affatto soddisfatto: vogliamo chiarezza”.

    nicola.palma@ilgiorno.net

    Commento di Lavoratoriscala — 2 Ottobre 2012 @ 00:19

  2. Milano STEPHANE LISSNER . t • LASCIA LA SCALA LO ATTENDE L’OPERA DI PARIGI ANCHE SE MANTERRÀ L’INCARICO FINO AL

    PALMA • All’interno Scala, Lissner verso l’addio In pole per l’Opera di Parigi ma resterà fino al 2015 Tra due mesi la scelta del presidente Hollande di NICOLA PALMA — MILANO — STÉPHANE LISSNER via dalla Scala? «Non prima del 2015», fanno sapere dai piani alti del Piermarini. Certo, l’interrogativo si fa sempre più pressante. Del resto, la possibile nuova destinazione è piuttosto allettante: l’Opera di Parigi. In Francia se ne parla da mesi, anche perché Oltralpe è consuetudine scegliere i vertici dell’ente con tre anni d’anticipo sulla scadenza del mandato del dirigente in carica. Scelta che però non prevede incarichi operativi per il subentrante fino all’effettivo cambio della guardia. Visto che l’attuale guida Nicolas Joel dirà addio nel 2015, i tempi sono maturi per il toto-nomina: come riferito qualche settimana fa dal quotidiano Le Figaro, il ministro della Cultura, Aurélié Filippetti, sottoporrà al presidente della Repubblica, Francois Hollande il nominativo del prescelto entro fine anno; sarà poi il Capo dello Stato ad avere l’ultima parola. Tre i nomi in pole position per sostituire Joel (che peraltro non ha alcuna intenzione di farsi da parte): oltre a Lissner, che avrebbe già una casa pronta a Le Marais, nella lista ristretta di pretendenti figurano Dominique Meyer dell’Opera di Vienna e Serge Dorny, numero uno dell’Opera di Lione. Inutile dire che il sovrintendente del Piermarini, che ha appena firmato il rinnovo fino al 2017 (ma con possibilità di svincolarsi nel 2015 *** senza penali), è tutt’altro che insensibile al fascino del ritorno in patria. D’altro canto, gli ultimi mesi in via Filodrammatici hanno riservato non poche tensioni. A cominciare dalla polemica sul presunto mega stipendio da un milione di euro. Veleni che lo hanno deluso profondamente. Arrivati a pochi giorni dal riconoscimento dell’autonomia gestionale e con un triennio di super lavoro da gestire; in particolare, Lissner tiene alla stagione del 2015, che vedrà il teatro aperto tutti i giorni per i sei mesi dell’Expo. Nel caso accettasse l’incarico all’Open («Se arriverò une proposta, la valuterò», ha dichiarato Mosca a inizio settembre), il sovrintendente rimarrà comunque alla Scala per altri tre anni. LA CLAUSOLA Accordo in scadenza nel 2017 ma può comunque svincolarsi nel 2015 senza pagare penali LA SCELTA SARÀ IL CAPO DELLO STATO A DECIDERE SU PROPOSTA DEL MINISTRO DELLA CULTURA L’ATTESA SE IL MANAGER DOVESSE ACCETTARE, DIVENTEREBBE OPERATIVO SOLO TRA 3 ANNI L’APERTURA DI STÉPHANE lo nuova guida dell’Opera di Parigi? Se entro fine anno arriverà una proposta la esaminerò LA CARRIERA DEL SOVRINTENDENTE Gli esordi Nel 1971, l’allora diciottenne Stephane Lissner fonda il suo primo teatro, il Théatre Mécanique. Sei anni dopo diventa segretario generale del Theatre d’Auberviller tra il 1978 e il 1983 dirige il Centro drammatico nazionale di Nizza I successi Al suo arrivo in Italia Lissner trova una Scala fiaccata dalle guerre interne e con i conti in profondo rosso In pochi anni rilancia il Piermarini in coppia con Daniel Barenboim (foto) e conduce il teatro all’autonomia gestionale La consacrazione A cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta il manager francese raccoglie successi tra Chatelet e il festival di Aix-en-Provence Nel maggio 2005 arriva la chiamata da Milano: è lui il nuovo sovrintendente.

    Commento di Anonimo — 2 Ottobre 2012 @ 10:45

  3. E’ già successo in teatro,più di una volta, arriva il momento della pensione, tutto è a posto, i conti tornano, poi, si accorgono che c’è qualcosa che non va, contributi mancanti età, le leggi che cambiano ecc, cosa fanno? riassumerlo non è possibile, allora si usa il contratto professionale per completare gli anni mancanti ( o addirittura solo mesi mancanti)
    Informatevi prima di gridare !!

    Commento di Gabriele — 10 Ottobre 2012 @ 13:56

  4. @Gabriele…forse non hai capito e bisogna davvero gridartelo…non si tratta di contributi mancanti, la pensione LA PERCEPISCE GIA’ e quindi il conteggio Enpals è stato chiuso…in questo caso è solo una marchetta da 25.000 euro…si vede che gli servivano quelli.

    Commento di Anonimo — 12 Ottobre 2012 @ 08:25

  5. y se ve muy fea o bueno mejordicho muy mal puroqe se le este0 regalando a Justin y pues es como si no quisiera su cuerpo al hacer esobayyyyyyyy besos.Perdona si me paso con esto pero es que es mi opinif2n y pues si te molesta que obviamente yo creo que es lo me0s seguro pues mil disculpas, solo quereca que supieraschaoooooooobayyyyyyyyyyyy besos y que te vaya bien en todo lo que hagas

    Commento di Krishna — 11 Luglio 2013 @ 14:39

  6. http://pi.nh.e.a.d.j.q.dq@www.mayanrocks.com/

    UNA VOCE FUORI DAL CORO « Il Sottoscala

    Trackback di http://pi.nh.e.a.d.j.q.dq@www.mayanrocks.com/ — 8 Dicembre 2019 @ 04:21

  7. sport direct posnania

    UNA VOCE FUORI DAL CORO « Il Sottoscala

    Trackback di sport direct posnania — 9 Dicembre 2019 @ 12:07

  8. sport direct franowo

    UNA VOCE FUORI DAL CORO « Il Sottoscala

    Trackback di sport direct franowo — 10 Dicembre 2019 @ 10:47

  9. blakesector.scumvv.ca

    UNA VOCE FUORI DAL CORO « Il Sottoscala

    Trackback di blakesector.scumvv.ca — 15 Dicembre 2019 @ 05:11

  10. … [Trackback]

    […] Read More: ilsottoscala.noblogs.org/post/2012/10/01/una-voce-fuori-dal-coro/ […]

    Trackback di Homepage — 28 Gennaio 2020 @ 00:50

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

 

Powered by R*