Il Sottoscala Per Abbado un Albero in Piazza Scala

29 Maggio 2013

Pulizie Teatro alla Scala : SU LA TESTA ! SCIOPERO

Filed under: General — Lavoratoriscala @ 13:09

PULIZIE TEATRO ALLA SCALA: SU LA TESTA!

MERCOLEDÌ 29 MAGGIO 2013 

LO SCIOPERO PER TUTTO IL GIORNO

Il nostro comunicato di venerdì 24 maggio è stato un sasso lanciato nella melmosa palude dell’appalto delle pulizie del Teatro della Scala.

Nella notte tra il 24 e il 25 maggio, il teatro è stato tappezzato da un comunicato sindacale a firma FILCAMS CGIL e FISASCAT CISL in cui appaiono espressioni del tipo “abbiamo espresso a COOPER PUL la necessità di individuare, con immediatezza delle soluzioni che consentissero il ripristino di una soluzione di legalità e trasparenza.”

Della serie meglio tardi che mai!

Il comunicato porta a conoscenza che dal 13 maggio la CIG in deroga non esiste più e che è quasi pronto un accordo che ripristina “il normale orario di lavoro”. Peccato che nessuno ne sapesse niente e che nessuna comunicazione formale è pervenuta ai lavoratori.

Cosa ancora più grave è che questo comunicato appare un evidente tentativo di “salvare” la COOPER PUL e la DIRIGENZA DEL TEATRO LA SCALA dalle loro responsabilità civili penali e contrattuali.

COOPER PUL ha gestito questo appalto secondo il miglior stile da far-west. Le lavoratrici ed i  lavoratori sono stati costretti a subire trattamenti anche sul piano umano, che ha leso la loro dignità personale.

Per la CUB Informazione e spettacolo la situazione dell’appalto pulizie deve essere seriamente esaminata. In particolare rinnoviamo la richiesta di un incontro con il PRESIDENTE E I DIRIGENTI DEL TEATRO ALLA SCALA ricordando loro che l’appaltante risponde “in solido” della condotta della società appaltatrice.

Sappiamo che è in atto il tentativo di “aggirare” il confronto con la CUB Informazione e di fare “muro di gomma alle nostre richieste.

La nostra posizione e le nostre richieste sono sostenute dalla maggioranza dei lavoratori e siamo firmatari degli accordi del gennaio 2013 del cambio d’appalto e del ricorso alla Cassa in Deroga.

Con questa motivazione e per sostenere la nostra richiesta abbiamo indetto per

MERCOLEDÌ 29 MAGGIO 2013 

SCIOPERO PER TUTTO IL GIORNO

OGNI LAVORATORE ATTUERÀ LO SCIOPERO SECONDO GLI ORARI DELLE SUE PRESTAZIONI

Invitiamo tutti i lavoratori della COOPER PUL di aderire alla giornata di lotta e ai lavoratori “teatro alla scala” di esprimere la solidarietà.

CUB Informazione e spettacolo  MILANO

Milano 29/05/2012

Confederazione Unitaria di Base

Milano: V.le Lombardia 20 – tel. 02/70631804 e mail cub.nazionale@tiscali.it   www.cub.it – www.cubvideo.it

13 Comments »

  1. [Esplora il significato del termine:
    incertezza sul nome del nuovo sovrintendente

    Scala, stagione ridotta : solo 10 opere Lissner: stagione di sintesi. Si parte il 7 dicembre con«La Traviata» diretta da Daniele Gatti La Scala (Imagoeconomica)La Scala (Imagoeconomica) Presentando la stagione 2013-14, non il prossimo sovrintendente («lo designeremo entro luglio – assicura il vicepresidente, Bruno Ermolli – forse prima, dobbiano ancora analizzare le risposte giunte attraverso il bando e devo presentare ai colleghi le candidature da me raccolte») giovedì i vertici di via Filodrammatici si sono anche tolti alcuni sassolini dalla scarpetta, con il savoir-faire di chi abita tra stucchi e similori. AFFONDO – Il primo affondo del sovrintendente è parso rivolto alle istituzioni (comune incluso, con il sindaco Pisapia presente): «I fondi pubblici sono 43 milioni su 116, ovvero il 37%; nel resto d’Europa siamo intorno al 50%». A margine, in una discussione con l’assessore alla cultura Dal Corno, ha aggiunto: «Bisogna concentrare i finanziamenti se si vuole avere un grande teatro pubblico, non seminarli a pioggia». Quindi una velata reprimenda (probabilmente) rivolta al mondo finanziario e dei consulenti esterni sempre pronti a indicare dove tagliare: «A chi voleva tagliare le prove, chiudere l’Ansaldo o altro abbiamo risposto con cantanti non star e con registi che cercano di fare pensare, perché non basta mettere in scena costumi antichi o in cartellone la Carmen per fare un teatro! E’ difficile fare teatro pubblico in periodo di crisi, con demagogia e populismo». Con un appunto, a margine, alla sinistra: «La sinistra ha sempre sostenuto la cultura, ma oggi, in tutta Europa, le è difficile farlo per motivi elettorali». Ma l’affondo di Lissner è relativo all’abbandono in cui, per un certo tempo, la Scala è stata lasciata. Il sindaco, comunque, ha ricordato come «per ogni euro investito nella Scala l’indotto ne sviluppa 2,7». Baremboin – che si è scusato perché non ha diretto il Götterdämmerung per malattia (i maligni fanno osservare che, però, è andato a Salisburgo) -, ha puntato dritto sulla crisi dei valori e sulla necessità dell’educazione musicale a teatro e nelle scuole. E poi ha aggiunto: «Sento tanto parlare d’italianità. I grandi italiani come Verdi, Dante, Pirandello erano internazionali. In musica, non esiste una sola italianità, ma tante: c’è quella di Monteverdi, quella di Verdi… Il patriottismo è giusto, il nazionalismo, è il sentimento di sentirsi meglio degli altri. Pertanto, anche per il nuovo sovrintendente, non dobbiamo chiedere il certificato di nascita ma i programmi». Preso l’abbrivio sulla nomina, arriva la critica: «Si sono già persi otto mesi, perché non si prevede alcuno che possa programmare il 2016. Ci voleva più flessibilità», ovvero estendere a Lissner il diritto di firma anche per il 2016 o ad altra persona. Ma lui resterà dopo Lissner (il suo contratto scade nel 2016)? «Dipende da chi verrà, dai programmi e da quando aprirò a Berlino la mia Accademia Barenboim/Said». Stephane Lissner (Imagoeconomica)Stephane Lissner (Imagoeconomica) LA STAGIONE – Quanto alla stagione, le opere sono scese da 13 a 10. «E’ la mia nona stagione ed è quella di sintesi», ha affermato Lissner. E’ fatta di titoli (7 italiani) legati per temi e cicli musicali, nuove produzioni e una commissione a Pollini. Si parte il 7 dicembre con Diana Damrau in«La traviata» diretta da Daniele Gatti con regia di Dmitri Tcherniakov, già visto qui in due interessanti spettacoli: l’«Evgenij Onegin» di Čajkovskij e «Il giocatore» di Prokofiev (premio Abbiati). Torna la «Cavalleria rusticana» di Mario Martone e una «Lucia di Lammermoor» dal Metropolitan di New York. Poi «Il trovatore» con Leo Nucci; di nuovo Tcherniakov per «La sposa dello zar» di Rimskij-Korsakov diretta da Barenboim. In aprile e maggio le due nuove produzioni. La prima è «Les Troyens» di Berlioz diretta da Antonio Pappano all’esordio scaligero nell’opera (la Antonacci nel ruolo di Cassandra), una coproduzione con Londra, San Francisco e Vienna. L’altra è la «Elektra» di Strauss, nuova produzione firmata da Patrice Chéreau (molto stimato da Lissner) e diretta da Esa-Pekka Salonen con Waltraud Meier nel ruolo di Clitemnestra: dopo il 7 dicembre è la produzione più attesa e sarà esportata ad Aix-en-Provence, New York, Berlino, Barcellona ed Helsinky. Un’altra interessante nuova produzione sarà il «Così fan tutte» diretta da Baremboim con regia di Claus Guth, che negli anni scorsi ha firmato per il Festival di Salisburgo una indimenticabile trilogia mozartiana che, per altro, ha lanciato nel firmamento glamour e pop Anna Netrebko assieme a Rolando Villanzon, quest’ultimo sarà Don Ferrando. Con l’Opéra de Lyon debutterà a luglio una nuova produzione di «Le Comte Ory» di Rossini con protagonista Juan Diego Flòrez e a ottobre il terzo titolo verdiano, il «Simon Boccanegra», con protagonisti Nucci e Domingo. Nei 200 anni dalla nascita dell’Accademia di ballo stagione ricca di balletto, che inizia il 17 dicembre con la serata Ratmansky. SINFONICA – Per le serate di sinfonica ci saranno anche Georges Prêtre, Daniel Harding e Susanna Mälkki. Tra i recital segnaliamo quelli del tenore Joas Kaufmann e del baritono Bryn Terfel. Il progetto Pollini prevede quattro titoli, il primo con direzione di Pierre Boulez. Il ciclo Strauss tre serate dirette da Philippe Jordan, Riccardo Chailly ed Esa-Pekka Salonen. Alla fine del 2014 Barenboim prevede anche di realizzare un ciclo dedicato a Franz Schubert. Intanto la Scala sarà prossimamente impegnata in due importanti progetti: l’integrale del «Ring» eseguito due volte in giugno da Barenboim e poi la partenza per il Giappone. Ci va tutto il teatro (440 persone) per 17 serate, non Barenboim che aveva previsto di inaugurare per questa data il nuovo teatro di Berlino. «Ma è in ritardo, non ci sarà nemmeno per il 2014 e il 2015». Il volto italiano della Germania. Pierluigi Panza23 maggio 2013 (modifica il 29 maggio 2013)© RIPRODUZIONE RISERVATA] incertezza sul nome del nuovo sovrintendente
    Scala, stagione ridotta :solo 10 opere
    Lissner: stagione di sintesi. Si parte il 7 dicembre con«La Traviata» diretta da Daniele Gatti

    La Scala (Imagoeconomica)La Scala (Imagoeconomica)
    Presentando la stagione 2013-14, non il prossimo sovrintendente («lo designeremo entro luglio – assicura il vicepresidente, Bruno Ermolli – forse prima, dobbiano ancora analizzare le risposte giunte attraverso il bando e devo presentare ai colleghi le candidature da me raccolte») giovedì i vertici di via Filodrammatici si sono anche tolti alcuni sassolini dalla scarpetta, con il savoir-faire di chi abita tra stucchi e similori.

    AFFONDO – Il primo affondo del sovrintendente è parso rivolto alle istituzioni (comune incluso, con il sindaco Pisapia presente): «I fondi pubblici sono 43 milioni su 116, ovvero il 37%; nel resto d’Europa siamo intorno al 50%». A margine, in una discussione con l’assessore alla cultura Dal Corno, ha aggiunto: «Bisogna concentrare i finanziamenti se si vuole avere un grande teatro pubblico, non seminarli a pioggia». Quindi una velata reprimenda (probabilmente) rivolta al mondo finanziario e dei consulenti esterni sempre pronti a indicare dove tagliare: «A chi voleva tagliare le prove, chiudere l’Ansaldo o altro abbiamo risposto con cantanti non star e con registi che cercano di fare pensare, perché non basta mettere in scena costumi antichi o in cartellone la Carmen per fare un teatro! E’ difficile fare teatro pubblico in periodo di crisi, con demagogia e populismo». Con un appunto, a margine, alla sinistra: «La sinistra ha sempre sostenuto la cultura, ma oggi, in tutta Europa, le è difficile farlo per motivi elettorali». Ma l’affondo di Lissner è relativo all’abbandono in cui, per un certo tempo, la Scala è stata lasciata. Il sindaco, comunque, ha ricordato come «per ogni euro investito nella Scala l’indotto ne sviluppa 2,7». Baremboin – che si è scusato perché non ha diretto il Götterdämmerung per malattia (i maligni fanno osservare che, però, è andato a Salisburgo) -, ha puntato dritto sulla crisi dei valori e sulla necessità dell’educazione musicale a teatro e nelle scuole. E poi ha aggiunto: «Sento tanto parlare d’italianità. I grandi italiani come Verdi, Dante, Pirandello erano internazionali. In musica, non esiste una sola italianità, ma tante: c’è quella di Monteverdi, quella di Verdi… Il patriottismo è giusto, il nazionalismo, è il sentimento di sentirsi meglio degli altri. Pertanto, anche per il nuovo sovrintendente, non dobbiamo chiedere il certificato di nascita ma i programmi». Preso l’abbrivio sulla nomina, arriva la critica: «Si sono già persi otto mesi, perché non si prevede alcuno che possa programmare il 2016. Ci voleva più flessibilità», ovvero estendere a Lissner il diritto di firma anche per il 2016 o ad altra persona. Ma lui resterà dopo Lissner (il suo contratto scade nel 2016)? «Dipende da chi verrà, dai programmi e da quando aprirò a Berlino la mia Accademia Barenboim/Said».
    Stephane Lissner (Imagoeconomica)Stephane Lissner (Imagoeconomica)

    LA STAGIONE – Quanto alla stagione, le opere sono scese da 13 a 10. «E’ la mia nona stagione ed è quella di sintesi», ha affermato Lissner. E’ fatta di titoli (7 italiani) legati per temi e cicli musicali, nuove produzioni e una commissione a Pollini. Si parte il 7 dicembre con Diana Damrau in«La traviata» diretta da Daniele Gatti con regia di Dmitri Tcherniakov, già visto qui in due interessanti spettacoli: l’«Evgenij Onegin» di Čajkovskij e «Il giocatore» di Prokofiev (premio Abbiati). Torna la «Cavalleria rusticana» di Mario Martone e una «Lucia di Lammermoor» dal Metropolitan di New York. Poi «Il trovatore» con Leo Nucci; di nuovo Tcherniakov per «La sposa dello zar» di Rimskij-Korsakov diretta da Barenboim. In aprile e maggio le due nuove produzioni. La prima è «Les Troyens» di Berlioz diretta da Antonio Pappano all’esordio scaligero nell’opera (la Antonacci nel ruolo di Cassandra), una coproduzione con Londra, San Francisco e Vienna. L’altra è la «Elektra» di Strauss, nuova produzione firmata da Patrice Chéreau (molto stimato da Lissner) e diretta da Esa-Pekka Salonen con Waltraud Meier nel ruolo di Clitemnestra: dopo il 7 dicembre è la produzione più attesa e sarà esportata ad Aix-en-Provence, New York, Berlino, Barcellona ed Helsinky. Un’altra interessante nuova produzione sarà il «Così fan tutte» diretta da Baremboim con regia di Claus Guth, che negli anni scorsi ha firmato per il Festival di Salisburgo una indimenticabile trilogia mozartiana che, per altro, ha lanciato nel firmamento glamour e pop Anna Netrebko assieme a Rolando Villanzon, quest’ultimo sarà Don Ferrando. Con l’Opéra de Lyon debutterà a luglio una nuova produzione di «Le Comte Ory» di Rossini con protagonista Juan Diego Flòrez e a ottobre il terzo titolo verdiano, il «Simon Boccanegra», con protagonisti Nucci e Domingo. Nei 200 anni dalla nascita dell’Accademia di ballo stagione ricca di balletto, che inizia il 17 dicembre con la serata Ratmansky.

    SINFONICA – Per le serate di sinfonica ci saranno anche Georges Prêtre, Daniel Harding e Susanna Mälkki. Tra i recital segnaliamo quelli del tenore Joas Kaufmann e del baritono Bryn Terfel. Il progetto Pollini prevede quattro titoli, il primo con direzione di Pierre Boulez. Il ciclo Strauss tre serate dirette da Philippe Jordan, Riccardo Chailly ed Esa-Pekka Salonen. Alla fine del 2014 Barenboim prevede anche di realizzare un ciclo dedicato a Franz Schubert. Intanto la Scala sarà prossimamente impegnata in due importanti progetti: l’integrale del «Ring» eseguito due volte in giugno da Barenboim e poi la partenza per il Giappone. Ci va tutto il teatro (440 persone) per 17 serate, non Barenboim che aveva previsto di inaugurare per questa data il nuovo teatro di Berlino. «Ma è in ritardo, non ci sarà nemmeno per il 2014 e il 2015». Il volto italiano della Germania.

    Pierluigi Panza23 maggio 2013 (modifica il 29 maggio 2013)© RIPRODUZIONE RISERVATA

    Commento di Anonimo — 29 Maggio 2013 @ 20:52

  2. Esprimiamo la massima solidarieta’ a Giorgia e Sharkawy i nostri delegati sindacali che hanno organizzato lo sciopero di ieri e che l’ impresa di pulizia intende trasferire lontano dal Piermarini . Chiediamo a tutti i lavoratori della Scala di unirsi alla protesta e contro questa rappresaglia inaudita che lede le libertà sindacali e calpesta lo statuto dei lavoratori.
    Cub /info Spetaccolo Scala

    Commento di Anonimo — 30 Maggio 2013 @ 19:47

  3. Dopo i due giorni di protesta dei lavoratori dell’impresa di pulizia in maggioranza iscritti alla Cub è apparsa dalla notte al giorno il badge e i cartellini per i lavoratori .Incredibile !!!!!Ma vero..

    Commento di Anonimo — 30 Maggio 2013 @ 19:52

  4. Wow that was strange. I just wrote an incredibly
    long comment but after I clicked submit my comment didn’t show up.
    Grrrr… well I’m not writing all that over again. Anyway, just wanted to say great blog!

    Visit my page Eugene Charter Service

    Commento di Eugene Charter Service — 8 Ottobre 2013 @ 03:22

  5. When someone writes an article he/she maintains the
    thought of a user in his/her mind that how a user can know
    it. Therefore that’s why this article is perfect.
    Thanks!

    Commento di Damion — 30 Novembre 2013 @ 10:19

  6. You could definitely see your enthusiasm in the article
    you write. The world hopes for even more passionate writers like you who are not afraid to mention
    how they believe. Always follow your heart.

    Review my web site … criminal Defense attorney miami

    Commento di criminal Defense attorney miami — 1 Dicembre 2013 @ 01:31

  7. Nice post. I learn something more difficult on completely different blogs everyday. It is going to at all times be stimulating to read content from different writers and follow slightly one thing from their store. Id favor to use some with the content material on my weblog whether you dont mind. Natually Ill give you a hyperlink in your net blog. Thanks for sharing.

    Commento di thor film complet streaming — 10 Dicembre 2013 @ 16:42

  8. This is exactly what i have been searching google for today.
    yours is the 10th site i visited trying to get this info and i just want
    to say Thank you!

    Have a look at my website :: san diego carpet cleaning

    Commento di san diego carpet cleaning — 11 Gennaio 2014 @ 19:21

  9. Excellent post but I was wondering if you could write a litte more on this subject? I’d be very thankful if you could elaborate a little bit more. Bless you!

    Commento di commercial lighting distributors — 27 Febbraio 2014 @ 11:59

  10. Hello just wanted to give you a quick heads up and let you know
    a few of the images aren’t loading properly. I’m not sure why but I think its a linking issue.
    I’ve tried it in two different browsers and both show the same results.

    Have a look at my blog post: Acne Scars Eugene

    Commento di Acne Scars Eugene — 13 Marzo 2014 @ 07:55

  11. you can try these out

    Pulizie Teatro alla Scala : SU LA TESTA ! SCIOPERO « Il Sottoscala

    Trackback di you can try these out — 27 Novembre 2019 @ 01:01

  12. krkray.ru

    Pulizie Teatro alla Scala : SU LA TESTA ! SCIOPERO « Il Sottoscala

    Trackback di krkray.ru — 27 Novembre 2019 @ 18:00

  13. sport tvp skoki

    Pulizie Teatro alla Scala : SU LA TESTA ! SCIOPERO « Il Sottoscala

    Trackback di sport tvp skoki — 27 Novembre 2019 @ 23:41

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

 

Powered by R*