Il Sottoscala Per Abbado un Albero in Piazza Scala

10 Luglio 2013

AMIANTO – NEWS

Filed under: General — Lavoratoriscala @ 20:14

Protesta contro l’INAIL

Una recente protesta ontro l'inail

Una recente protesta ontro l’inail

15 maggio 2013: MANIFESTAZIONE OPERAIA CONTRO L’INAIL
Contro le vittime dell’amianto, l’INAIL si comporta peggio di un’assicurazione privata.
Con la legge 257 del 1992 l’amianto è stato messo fuorilegge.
Per i lavoratori ex esposti amianto a rischio di patologie asbesto correlate, con un’aspettativa di vita minore di circa 10 anni rispetto al resto della popolazione, la legge prevedeva insieme alla sorveglianza sanitaria gratuita, un risarcimento chiamato “benefici previdenziali” che permetteva loro andare in pensione un po’ prima perché morivano, e continuano a morire, prima degli altri cittadini. Ora con la riforma Fornero questa legge è stata vanificata.
L’INAIL, ente che deve riconoscere e indennizzare le malattie professionali derivanti dall’amianto, ha tutto l’interesse a non farlo agendo in palese conflitto di interessi. Comportandosi peggio di un’assicurazione privata l’INAIL risparmia sulla pelle dei lavoratori e costringe le vittime dell’amianto a lunghe e dispendiose cause legali. Infatti l’ammontare delle disponibilità liquide parcheggiate nella tesoreria di stato dall`Inail è un tesoretto di 17 mld (miliardi di euro). Per questo il nostro Comitato, insieme a tutte le associazioni e comitati delle vittime, da anni si batte per ottenere un organismo terzo che riconosca le malattie professionali.
In molte ex fabbriche, ora dismesse, sono provati dai documenti dell’ASL la presenza d’amianto e il rischio a cui sono stati sottoposti i lavoratori ex esposti amianto.
Emblematico è il caso della Breda Fucine di Sesto San Giovanni, fabbrica in cui ci sono stati più di cento morti per malattie derivanti dall’amianto e dove sono morte anche alcune mogli per aver lavato le tute dei mariti. Solo a pochissimi ex lavoratori è stata riconosciuta la malattia professionale e l’esposizione all’amianto. Ad altri che lavoravano nella stessa fabbrica, nello stesso capannone, con la stessa mansione, ad un metro di distanza l’uno dall’altro (ad es. saldatori), divisi solo da una riga gialla che delimitava il reparto di appartenenza, l’INAIL, con cavilli e pretesti, continua a negare la certificazione di esposizione all’amianto.
E questo nonostante la documentazione prodotta all’INAIL e le sentenze passate in giudicato contro l’INPS (l’ente che deve pagare i contributi previdenziali) che riconoscono l’esposizione all’amianto.
Dopo mesi di lotte e di trattative in cui l’Inail si era dichiarata disponibile a risolvere il contenzioso sui “benefici previdenziali” per gli ultimi 19 ex lavoratori esposti amianto è arrivata la risposta negativa. Per i burocrati dell’INAIL, le “sentenze prodotte non sono confortate da atti a valenza probatoria (rilevazioni, indagini ambientali, fatture di acquisto) ”, falsità che i processi hanno evidenziato riconoscendo le ragioni dei lavoratori.
Noi faremo sentire forte la nostra voce e la nostra presenza anche con forme di lotta eclatanti. Per questo abbiamo organizzato una giornata di lotta contro l’Inail regionale a Milano Porta Nuova n. 19 mercoledì 15 maggio 2013 dalle ore 10.00 alle 12.30 e invitiamo la stampa e i mass media ad essere presenti per informare l’opinione pubblica dell’iniziativa di lotta contro l’INAIL.
LE VITTIME MANIFESTANO CONTRO L’INAIL
Forte protesta delle vittime dell’amianto
Le vittime protestano contro l’INAIL regionale della Lombardia
Un nutrito gruppo di lavoratori e vittime dell’amianto ha protestato questa mattina contro l’atteggiamento antioperaio dell’Inail, che da tempo nega i diritti ai lavoratori esposti all’amianto.
L’Inail e l’Inps costringono le vittime a lunghe e costose cause per il riconoscimento di quanto gli sarebbe dovuto con processi che arrivano fino in cassazione, con grave sperpero di denaro pubblico che paghiamo tutti noi e non i direttori e i burocrati di questi enti.
Stanche delle lungaggini burocratiche, le vittime dell’amianto hanno deciso di portare la loro rabbia e la loro protesta direttamente dentro il palazzo.
I lavoratori e le lavoratrici, insieme ai famigliari delle vittime, “armati” di fischietti, coperchi di pentole, campanacci e sirene hanno tentato di occupare l’atrio della sede regionale Inail in Corso di Porta Nuova, subito bloccati dalla polizia.
La rumorosa protesta è continuata quindi fuori dal palazzo ed ha avuto la solidarietà di lavoratori dell’Inail, di utenti e passanti che hanno espresso il loro sostegno a chi lotta per i propri diritti e per avere giustizia.
La protesta ha costretto il direttore regionale dell’Ente, dott. Aniello Spina, a ricevere una delegazione di 4 lavoratori e ad annunciare la riapertura della trattativa diretta tra l’Ente e il nostro Comitato, per rivedere tutti i 19 casi rigettati dall’INAIL (tra cui anche quelli dei lavoratori che hanno già vinto in tribunale ma che l’INAIL, finora, si ostinava a non riconoscere).
Il Comitato ha ribadito comunque che le parole non bastano, che ci vogliono i fatti e che, visto l’atteggiamento tenuto finora verso le vittime, le proteste continueranno fino alla risoluzione dei problemi per tutti i lavoratori.
Durante l’incontro con i vertici INAIL e la delegazione del Comitato, abbiamo girato un video dell’incontro che renderemo pubblico.
Una volta di più, possiamo quindi affermare che LA LOTTA PAGA! 
Sesto S. Giovanni, 15/05/2013
Pubblichiamo la lettera spedita a tutti i singoli capigruppo del Senato della Repubblica da parte del Coordinamento delle Associazioni e Comitati, di cui fa parte anche il nostro il “Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio”.
AL SENATORE CAPO GRUPPO DEL PARTITO
SENATO DELLA REPUBBLICA ROMA
Oggetto: sostegno al pdl n 8 “Norme a tutela dei lavoratori, dei cittadini e dell’ambiente dall’amianto, nonché delega al Governo per l’adozione di un testo unico in materia di amianto”
Il presente Coordinamento nazionale delle associazioni degli ex esposti e delle vittime dell’amianto fa presente che il 15 marzo scorso è stato presentato il PDL n. 8 (Casson e altri): “Norme a tutela dei lavoratori, dei cittadini e dell’ambiente dall’amianto, nonché delega al Governo per l’adozione di un testo unico in materia di amianto”.
Tale progetto di legge è frutto dell’impegno e del lavoro, oltre che dei firmatari, delle associazioni che lottano perchè l’amianto venga eliminato dal territorio nazionale e perché tutti problemi derivati dalla sua presenza vengano affrontati e risolti. Si tratta di problemi di ordine sanitario, ambientale e risarcitorio che sono stati messi particolarmente in luce nei molti processi in corso, in particolare quello contro la multinazionale ETERNIT di cui il 6 giugno è stata pronunciata la sentenza dalla Corte d’Appello di Torino, e di cui si è a lungo dibattuto nella Seconda Conferenza Nazionale, organizzata dal precedente Governo dal 22/24 novembre 2012 a Venezia.
Il progetto di legge 8 è, a nostro avviso, la sintesi di tutti i problemi che riguardano l’amianto ed propone le relative e necessarie soluzioni. Il progetto di legge indica anche i costi degli interventi sanitari, di bonifica e di risarcimento delle vittime e degli ex esposti e le modalità di farvi fronte.
Chiediamo pertanto al Vostro Gruppo di prenderlo in seria considerazione e di farlo Vostro sia con la firma di uno o più senatori, sia impegnandoVi a farlo discutere nelle Commissioni competenti per accelerare i tempi della sua approvazione.
Vi ringraziamo per l’attenzione e, in attesa di un cortese cenno di risposta, Vi inviamo i nostri migliori saluti

DIFESA DELLA SALUTE, UN NUOVO LIBRO

Nel mese di luglio 2013, è stato pubblicato da Aracne editrice S.r.l. Ariccia (Rm) il libro “La Triade interattiva del mondo inquinato contro la salute”, del prof. Giancarlo Ugazio. Riportiamo la presentazione di Michele Michelino.

Morti di progresso

Anni di lotte operaie contro la nocività in fabbrica, e successivamente nel territorio, ci hanno insegnato che la prevenzione primaria e la rimozione delle sostanze cancerogene e nocive che provocano le patologie costituiscono la vera tutela della salute.

Nella “civile” Italia si continua a morire di lavoro e per il lavoro, si continua a morire per il profitto e in nome del “progresso”.

Una delle cause è la ricerca del massimo profitto da parte di imprenditori senza scrupoli e la colpevole complicità di governi, amministratori pubblici, uomini politici, sindacalisti che in nome della ragione di stato accettano come
inevitabile e normale che molte persone, degli esseri umani, si ammalino e muoiano ogni giorno in nome del “progresso”. Ormai anche per chi dovrebbe essere preposto alla tutela della salute; in particolare i “rappresentanti dei lavoratori”, cioè i sindacati, la tutela della salute dei lavoratori non è più una priorità.

Siamo tornati indietro di 66 anni. Nell’ormai lontano 1947 l’Organizzazione Mondiale della Sanità così dichiarava riguardo al diritto alla salute: “Gli Stati partecipanti alla presente costituzione dichiarano, conformemente alla Carta delle Nazioni Unite, che alla base della felicità dei popoli, delle loro relazioni armoniose e della loro sicurezza, stanno i principi seguenti: la sanità è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non consiste solo in un assenza di malattia o d’infermità.

Il possesso del migliore stato di sanità possibile costituisce un diritto fondamentale di ogni essere umano, senza distinzione di razza, di religione, d’opinioni politiche, di condizione economica o sociale. La sanità di tutti i popoli è una condizione fondamentale della pace del mondo e della sicurezza; essa dipende dalla più stretta cooperazione possibile tra i singoli e tra gli Stati.

I risultati raggiunti da ogni Stato nel miglioramento e nella protezione della sanità sono preziosi per tutti. La disparità nei diversi paesi per quanto concerne il miglioramento della sanità e la lotta contro le malattie, in particolare contro le malattie trasmissibili, costituisce un pericolo per tutti. Lo sviluppo sano del fanciullo è d’importanza fondamentale; l’attitudine a vivere in armonia con un ambiente in piena trasformazione è essenziale per questo sviluppo. Per raggiungere il più alto grado di sanità è indispensabile rendere accessibili a tutti i popoli le cognizioni acquistate dalle scienze mediche, psicologiche ed affini. Un’opinione pubblica illuminata ed una cooperazione attiva del pubblico sono d’importanza capitale per il miglioramento della sanità dei popoli. I governi sono responsabili della sanità dei loro popoli; essi possono fare fronte a questa responsabilità, unicamente prendendo le misure sanitarie e sociali adeguate”.

Gli stessi articoli della Costituzione italiana, come l’art. 32 che recita: “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività” – insieme all’art. 41, II° comma – che dichiara che l’iniziativa economica privata, pur essendo libera, “non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana”, sono completamente disattesi e inapplicati.

Oggi l’unico diritto riconosciuto dallo Stato è quello degli industriali a fare
profitti sulla pelle degli esseri umani. Non possiamo accettare senza combattere che milioni di lavoratori, le loro famiglie e i cittadini continuino
ad essere sottoposti al pericolo di contrarre malattie derivanti da sostanze
cancerogene e da agenti patogeni ambientali, come è stato ed in molti casi succede ancora.

Le nuove malattie dovute al progresso non sono inevitabili. E’ ormai dimostrato che i nuovi prodotti, le nuove merci costruiti con nuove sostanze e nuovi materiali nei processi produttivi e messi sul mercato, senza essere stati testati o collaudati riguardo ai loro effetti sulla salute sono portatori di nuove
patologie. Facciamo un esempio. Da decenni tutti i governi italiani che si sono
succeduti – dopo aver calpestato e offeso anche l’art. 11 della Costituzione
che recita “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali” – importano rottami di metalli ferrosi provenienti da tutto il mondo da fondere e riusare per l’industria nazionale. In particolare metalli e materie prime provenienti dalle zone dove si sono svolte le “nostre” “missioni di pace” (l’ipocrisia chiama così le guerre moderne) sotto l’egida dell’ONU e della NATO.

Prima si distruggono, si inquinano gli esseri umani e la natura con le bombe e i proiettili ad uranio impoverito, poi si importano a poco prezzo i rottami di metalli contaminati senza alcun controllo alle frontiere. Così, dopo aver ammazzato all’estero, si riportano a casa veleni e cancerogeni che faranno ammalare e morire anche la propria popolazione.

La vita e l’umanità di certi imprenditori non è dettata dai battiti del cuore ma dalla velocità con cui il capitale, sfruttando i lavoratori, si valorizza. La perdita di vite umane nel processo produttivo, nel conflitto fra capitale e lavoro, è considerata “fisiologica” dal sistema, e le nuove malattie che colpiscono lavoratori e cittadini rappresentano la possibilità di nuovi affari per le multinazionali farmaceutiche.

Il progressivo tentativo di smantellamento della sanità pubblica a favore di quella privata va in questa direzione. Togliere il controllo delle ASL sulle industrie e sui cittadini passandolo alle società di certificazione privata nel settore degli elevatori/ ascensori, ad esempio, l’ispezione e le verifiche sugli impianti non viene più fatta dai tecnici ex Ispesl ora passati all’Inail, né da quelli dell’Arpa, ma da società di professionisti ) è un ulteriore passo verso la privatizzazione e la commercializzazione della sicurezza.

Le malattie professionali diluiscono le morti nel tempo e, per esposizione o contatto con sostanze nocive e cancerogene nel processo di produzione, l’ILO stima che ogni anno perdano la vita circa 438.000 lavoratori, cifra senz’altro in difetto rispetto alla realtà.

L’amianto, in particolare,è responsabile della morte di 100.000 persone l’anno (più di 4.000 nella sola Italia), mentre la silicosi continua a colpire milioni di lavoratori e pensionati nel mondo.

Dietro il sistema democratico che professa l’uguaglianza dei cittadini si nasconde la brutalità e la violenza di un sistema che, attraverso leggi che santificano il profitto, concede l’immunità e la licenza di uccidere in nome del “libero mercato” e del “progresso”.

Anche se ogni tanto succede che alcuni padroni responsabili delle morti di lavoratori vengono condannati, non si è mai visto in Italia un imprenditore o un politico riconosciuto colpevole di omicidio colposo andare in galera.

Quando un operaio viene ucciso sul posto di lavoro a causa di un infortunio o malattia professionale, una volta risarcite le vittime e le famiglie o – in caso di processo – risarcite le parti civili per toglierle di mezzo, cala il silenzio. E attraverso i cavilli legali, i ritardi consueti della macchina della giustizia o si finisce in prescrizione e si assiste a pene irrisorie. Ancor peggio succede per i cittadini colpiti dalle sostanze nocive e cancerogene usate nell’industria e disperse nell’aria, nell’etere e nelle falde acquifere.

Il rapporto con i lavoratori e i cittadini ha contribuito a rafforzare la battaglia per la prevenzione primaria. Con questo nuovo libro – che approfondisce e sintetizza le conoscenze sulle cause dell’ambiente inquinato, sulla Sensibilità Chimica Multipla che comporta la perdita di tolleranza ai veleni ambientali e chimici, sull’allargamento della ricerca riguardo alle patologie asbesto correlate, alla ricerca sui campi elettromagnetici – chi lotta in difesa della salute e dell’ambiente ha un’arma in più.

Al professor Giancarlo Ugazio, scienziato non in vendita, membro onorario del nostro Comitato e compagno di tante battaglie al fianco di lavoratori e cittadini, va quindi una volta di più la nostra stima e totale riconoscenza.

Michele Michelino Presidente del

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

(michele.mi@inwind.it)

SPECIMEN QUINTO LIBRO (5).pdf
Documento Adobe Acrobat [1.2 MB]
Download

42 Comments »

  1. It’s truly very difficult in this active life to listen news
    on Television, so I just use world wide web for that reason, and
    get the latest news.

    Here is my homepage … san diego seo

    Commento di san diego seo — 7 Ottobre 2013 @ 04:39

  2. Hi to every body, it’s my first visit of this webpage; this weblog consists
    of amazing and actually excellent material for readers.

    Here is my webpage; side socket review

    Commento di side socket review — 19 Ottobre 2013 @ 00:56

  3. buy viagra online no prescription http://usggrxmed.com/ viagra online no prior prescription usa generic viagra without a doctor prescription

    Commento di Kmrfprami — 9 Novembre 2020 @ 15:14

  4. buy generic viagra online overnight http://fmedrx.com/ buy generic viagra online india viagra for men online

    Commento di Jildcprami — 11 Novembre 2020 @ 08:02

  5. generic viagras next day delivery genertic viagra viagra for women australia

    Commento di DevkUseft — 16 Novembre 2020 @ 15:11

  6. viagra obtain buybuyviamen.com not generic viagra

    Commento di Fhsbprami — 16 Novembre 2020 @ 18:01

  7. viagra without a rx paradiseviagira.com viagra jelly sachet

    Commento di FrbhUseft — 16 Novembre 2020 @ 20:29

  8. what do women say about viagra frauentausch gloria viagra viagra tablets online in australia

    Commento di JivhWhids — 18 Novembre 2020 @ 19:04

  9. viagra legal in singapore https://purevigra.com consecuencias al donar viagra

    Commento di Kmrfbown — 19 Novembre 2020 @ 05:14

  10. how much should viagra cost buy sildenafil online canada how to get viagra in australia

    Commento di FdbvUseft — 24 Novembre 2020 @ 13:48

  11. precio de la viagra pfizer opposto del viagra how much time before sex to take viagra

    Commento di Fmsgprami — 26 Novembre 2020 @ 00:21

  12. viagra online canada viagra 4 pack viagra best price

    Commento di Fnrhprami — 26 Novembre 2020 @ 08:45

  13. sildenafil india purchase viagra for ladies viagra without script

    Commento di Kbrgbown — 27 Novembre 2020 @ 01:45

  14. help writing dissertation write a essay about myself research proposal mathematics

    Commento di DvscUseft — 29 Novembre 2020 @ 13:58

  15. college essay answers photo essay assignment writing a great essay

    Commento di FgsUseft — 29 Novembre 2020 @ 18:45

  16. pay to write my paper dissertation writing help covering letter for resumes

    Commento di Fqfprami — 30 Novembre 2020 @ 00:12

  17. conclusions in research papers dissertation research writing help me with my math

    Commento di Ftghprami — 1 Dicembre 2020 @ 18:07

  18. my experience in college essay essay writer with a story essay writing thesis statement

    Commento di Fsfprami — 1 Dicembre 2020 @ 19:41

  19. law dissertation help freelance essay writers critical essay

    Commento di JgscWhids — 1 Dicembre 2020 @ 22:44

  20. buy essay usa dissertation in a week pay for math homework

    Commento di Kwgdbown — 2 Dicembre 2020 @ 08:54

  21. cialis france generic cialis from canada cialis side effects women

    Commento di Fbsbprami — 8 Dicembre 2020 @ 14:54

  22. free shipping cialis usa cialis generic overnite cialis with dapoxetine

    Commento di DvncUseft — 9 Dicembre 2020 @ 11:46

  23. buy cialis online free shipping cialis with dapoxetine 80mg how many milligrams of cialis can you take in a day ?

    Commento di FgnsUseft — 9 Dicembre 2020 @ 16:46

  24. viagra sell viagra before and after pics where to buy generic viagra in canada

    Commento di Fsfgprami — 12 Dicembre 2020 @ 18:17

  25. addicted to viagra overnight delivery viagra us viagra pfizer buy online canada

    Commento di Fgrsprami — 12 Dicembre 2020 @ 23:21

  26. viagra cost at nh pharmacies viagra viagra 50mg

    Commento di JgsvWhids — 13 Dicembre 2020 @ 14:33

  27. viagra coupons and discounts what are the different kinds of viagra? genic viagra

    Commento di Khedbown — 14 Dicembre 2020 @ 01:44

  28. clicks viagra price viagra no prescription pay pal viagra headache cure

    Commento di DvnjUseft — 14 Dicembre 2020 @ 09:20

  29. viagra in mexico over the counter lowest price viagra viagra for sale in the uk

    Commento di FhsnUseft — 14 Dicembre 2020 @ 14:19

  30. which erectile dysfunction pills work
    cheap erectile dysfunction pills online
    erectile dysfunction symptoms

    Commento di erectile dysfunction drugs — 23 Dicembre 2020 @ 06:53

  31. med rx pharmacy pharma erectile dysfunction drug

    Commento di Jtmfprami — 9 Gennaio 2021 @ 19:29

  32. us pharmacy rx erectile dysfunction drug

    Commento di Aqwsprami — 9 Gennaio 2021 @ 22:29

  33. medical pharmacy canada drug pharmacy erectile dysfunction medications

    Commento di Fwsxprami — 11 Gennaio 2021 @ 12:08

  34. mexican pharmacy online global pharmacy canada pharmacy in canada

    Commento di Lokuprami — 11 Gennaio 2021 @ 13:16

  35. best drugstore setting powder pharmacy rx one reviews ed

    Commento di Khthbown — 13 Gennaio 2021 @ 15:05

  36. viagra online store forum viagra sale in uk viagra online where can i buy viagra in exeter viagra no prescription usa viagra with out presctiption buy viagra without prescription? viagra substitute uk viagra alternatives in india buy cheap viagraa online how long does viagra 100mg last? buy viagra cheap online australia where to buy viagra in toronto viagra sales astralia buy generic viagra mastercard

    Commento di NlbxUseft — 18 Gennaio 2021 @ 02:39

  37. super viagra active buy generic viagra australia viagra brand online sensitivity [url=http://llviabest.com/]viagra online next day delivery[/url] ’

    Commento di Jbdcprami — 19 Gennaio 2021 @ 14:29

  38. grapefruit juice with viagra viagrapharmacy purchase viagra in australia [url=http://acialaarx.com/]viagra with dapoxetine without a prescription[/url] ’

    Commento di Aqbvprami — 19 Gennaio 2021 @ 17:18

  39. cialis coupon printable how much does cialis cost dapoxetine cialis [url=http://cialijomen.com/]what\’s better viagra cialis levitra[/url] ’

    Commento di NlbxUseft — 23 Gennaio 2021 @ 02:36

  40. online cialis cialis purchase 10 mg cialis [url=http://phrcialiled.com/]viagra or cialis[/url] ’

    Commento di JvcbxWhids — 23 Gennaio 2021 @ 05:58

  41. canadian pharmacy no prescription cialis free cialis canada where to buy cialis from canada [url=http://mycialedst.com/]supreme suppliers cialis[/url] ’

    Commento di Kbctbown — 23 Gennaio 2021 @ 06:43

  42. super cialis professional cialis in usa brand name cialis [url=http://21cialismen.com/]find cheapest cialis pills[/url] ’

    Commento di FbdhUseft — 23 Gennaio 2021 @ 08:43

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

 

Powered by R*