Il Sottoscala Per Abbado un Albero in Piazza Scala

27 Gennaio 2014

Per il maestro Abbado, il primo albero in centro di Milano

Filed under: General — Lavoratoriscala @ 22:51
In occasione della solenne commemorazione del Maestro Claudio Abbado, l’Orchestra del Teatro Alla Scala a nome di tutti i lavoratori renderà omaggio con un concerto a porte aperte e senza pubblico in sala.
A questo omaggio si uniranno tutti i cittadini di Milano.
La CUB-Confederazione Unitaria di Base della Scala di Milano vuole si realizzi il sogno del Maestro che voleva fossero piantati, partendo dal cuore di Milano, 90.000 alberi.
Il primo di questi alberi è un albero di ulivo che doniamo alla memoria di Claudio Abbado e che chiediamo venga piantato davanti al Teatro Alla Scala. Auspichiamo che ill Sindaco di Milano voglia piantare gli altri 89.999.
Lavoratori Cub / Teatro alla Scala
Un albero per Abbado
Milano 27 gennaio 2014

Tutti sappiamo che il Maestro Abbado voleva regalare 90.000 alberi . La sua idea era di capovolgere la prospettiva e iniziare a pensare che si potevano avere alberi anche nella città storica. Vogliamo onorare la memoria ed esaudire il desiderio, e per questo, chiediamo che in Piazza Scala questo albero donato, diventi il primo albero nel centro storico, davanti al teatro Alla Scala, in questa città che ha tanto amato.

Il sottoscala

Ulivo targato per abbado

Piazza per Abbado

7 Comments »

  1. VIDEO

    http://video.repubblica.it/edizione/milano/lavoratori-della-scala-il-comune-pianti-i-90mila-alberi-promessi-ad-abbado/153969/152471

    Lavoratori della Scala: “Il Comune pianti i 90mila alberi promessi ad Abbado”

    Nel giorno in cui la Scala di Milano ha voluto ricordare il maestro Claudio Abbado, i lavoratori del teatro hanno portato un alberello, per ricordare la promessa fatta al grande direttore d’orchestra da parte dell’allora sindaco Letizia Moratti. Abbado aveva infatti chiesto, come cachet per tornare alla Scala, 90.000 alberi da piantare in città. “Abbado è tornato, ora il Comune realizzi il suo sogno, piantando gli alberi”.

    (Video di Tiziano Scolari)

    LE FOTO

    Abbado: in migliaia in piazza della Scala per l’ultimo saluto
    Lavoratori della Scala: “Il Comune pianti i 90mila alberi promessi ad Abbado”
    La fila prima del concerto

    Commento by Anonimo — 28 Gennaio 2014 @ 19:15

  2. fonte
    http://arte.sky.it/2014/01/milano-saluta-abbado-emozione-alla-scala/

    Milano saluta Abbado: emozione alla Scala

    28 gennaio 2014
    uno stralcio dell’articolo che ci inorgoglisce.
    Cub /Scala
    Si moltiplicano intanto le iniziative che intendono eternare a Milano il ricordo di Abbado. Con il sindaco Giuliano Pisapia ad annunciare l’intitolazione al Maestro della Civica Scuola di Musica di Villa Simonetta. Ma la proposta più suggestiva arriva dai sindacati che tutelano i lavoratori del teatro: sono loro a chiedere che in Piazza della Scala venga piantato un ulivo, a memoria dell’insolito cachet che Abbado chiese per tornare a esibirsi in città nel 2009. Nemmeno un centesimo, per sé, ma la piantumazione di 90mila alberi.

    Commento by Anonimo — 28 Gennaio 2014 @ 19:25

  3. http://clarissalma379.mw.lt

    Per il maestro Abbado, il primo albero in centro di Milano « Il Sottoscala

    Trackback by http://clarissalma379.mw.lt — 25 Giugno 2019 @ 02:31

  4. indoor playground equipment

    Per il maestro Abbado, il primo albero in centro di Milano « Il Sottoscala

    Trackback by indoor playground equipment — 3 Luglio 2019 @ 09:20

  5. soft play

    Per il maestro Abbado, il primo albero in centro di Milano « Il Sottoscala

    Trackback by soft play — 6 Luglio 2019 @ 09:01

  6. clarissalma379.mw.lt

    Per il maestro Abbado, il primo albero in centro di Milano « Il Sottoscala

    Trackback by clarissalma379.mw.lt — 9 Luglio 2019 @ 04:48

  7. boiler water treatment chemicals

    Per il maestro Abbado, il primo albero in centro di Milano « Il Sottoscala

    Trackback by boiler water treatment chemicals — 12 Luglio 2019 @ 04:54

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

 

Powered by R*