Il Sottoscala Per Abbado un Albero in Piazza Scala

22 Novembre 2014

Altri ritrovamenti amianto nel teatro alla Scala. Comunicato stampa sul processo Eternit

Filed under: General — Lavoratoriscala @ 00:31

Ambiente Salute ComitatoTeatro Scala Dalle ultime  analisi che abbiamo costretto a fare sul parco luci del teatro alla Scala, ci comunicano il ritrovamento di amianto in un altro tipo di proiettore . Oltre ai pollux polaris svoboda castor e Sirio di cui vi abbiamo già dato notizia e che son stati in gran parte smaltiti grazie alla nostra determinazione, entriamo di nuovo in allerta nel cercare e segnalare i cosiddetti Mizar cioè proiettori 500w fresnel. Ci è giunta notizia, ma non abbiamo documentazione, che in un altro modello di proiettore è stato trovato amianto.

La lista completa dei proiettori ammalorati sonno a questo punto di almeno duecento pezzi.
In via Dammler invece, nei depositi della Scala alle porte di Milano, in particolare nel magazzino dell’attrezzeria ci sono trenta coperture di catene che sorreggono il capannone ricoperte di amianto, che a detta dei lavoratori, da adesso sono monitorate dalle autorità comunali .

Comunicato stampa sul processo Eternit.

Stringendoci ai familiari delle vittime di Casale Monferrato per il dolore provocato dalla beffa della sentenza di cassazione sul processo eternit inoltriamo il comunicato stampa del comitato in difesa della  salute  di sesto San Giovanni che condividiamo.
La rabbia  per una sentenza di ” classe” che concede l’impunita al padrone responsabile della morte di migliaia di operai e cittadini per amianto, accresce la nostra sete di giustizia.
A presto.
Il comitato ambiente salute del teatro Scala.

Comunicato stampa

 

INGIUSTIZIA E’ FATTA: UCCIDERE PER IL PROFITTO E’ UN DIRITTO DEL PADRONE

ANNULLATA PER PRESCRIZIONE LA CONDANNA DEL PADRONE ETERNIT

 

La Corte di Cassazione, accogliendo la tesi del procuratore generale Francesco Iacoviello, ha annullato la condanna a 18 anni di reclusione del magnate svizzero Stephan Schmidheiny, padrone e Amministratore Delegato della fabbrica Eternit, (uno degli uomini più ricchi del mondo) che si è arricchito sulle pelle di decine di migliaia di operai, lavoratori e cittadini nel mondo.

La ‘giustizia’ ha stabilito che, pur avendo provocato la morte di migliaia di lavoratori e cittadini, essendo passato troppo tempo, il reato è prescritto.

Così il responsabile della morte – solo in Italia – di centinaia di lavoratori nei 5 stabilimenti dell’Eternit italiana (Casale Monferrato, Cavagnolo, Rubiera, Bagnoli e Siracusa) e di migliaia di cittadini rimane impunito e se la cava senza neanche aver chiesto scusa.

Facendo propria la tesi del procuratore generale della Cassazione, che aveva chiesto l’annullamento della sentenza d’appello per prescrizione affermando che «Anche se oggi qui si viene a chiedere giustizia, un giudice tra diritto e giustizia deve scegliere il diritto», il Tribunale assolve il colpevole e condanna le vittime, che non saranno neanche risarcite.

Per la Corte di Cassazione il diritto di vita e di morte del padrone viene prima della giustizia dovuta alle vittime di un crimine contro l’umanità – di cui tanti si riempiono la bocca – che a Casale come in tanti altri luoghi non solo ha ucciso, ma continua e continuerà ad uccidere ogni giorno.

 

Per anni Schmidheiny, industriali e manager senza scrupoli, pur di risparmiare pochi centesimi e aumentare i profitti, non hanno esitato a far lavorare gli operai senza adeguate misure di sicurezza, non hanno rispettato le minime misure di prevenzione e di protezione individuale e collettiva che la lavorazione della fibra killer amianto necessitava. Insieme ai lavoratori, sono morti migliaia di cittadini per mesotelioma, tumori polmonari, asbestosi e altre patologie dell’amianto, uomini e donne “colpevoli” solo di aver respirato la fibra killer senza nessuna protezione, e purtroppo altre ne moriranno.

 

Ora questa sentenza dice che il “diritto” dei padroni vale di più della giustizia. Così tanti industriali come Stephan Schmidheiny, vedranno legittimato il loro “diritto” a continuare ad arricchirsi sfruttando, avvelenando e inquinando i lavoratori e cittadini con le loro fabbriche di morte.

Questo sistema economico, politico, giudiziario basato sullo sfruttamento dell’uomo concede l’impunità e la licenza di uccidere a chi ha soldi per comprarsela. Al danno si aggiunge la beffa.

 

ANCORA UNA VOLTA GLI INTERESSI DEL PADRONE VENGONO PRIMA DELLE VITTIME E DEL DOLORE DEI FAMIGLIARI E DEGLI AMICI.

Da anni ci battiamo contro la prescrizione e per la sicurezza nelle fabbriche e nei territori in tutte le fabbriche e luoghi di lavoro. Ora è giunto il momento della lotta dura, organizzata, contro un sistema che protegge i carnefici contro le vittime.

Senza delegare più a nessuno la difesa dei nostri diritti e interessi.

 

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

Sesto San Giovanni 19 novembre 2014

e-mail: cip.mi@tiscali.it

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

 

Powered by R*