Il Sottoscala Per Abbado un Albero in Piazza Scala

25 Febbraio 2016

Amianto alla Scala, 8 morti. Chiusa inchiesta.

Filed under: Articoli stampa — Lavoratoriscala @ 13:46

Chiusa inchiesta su amianto alla Scala: anche quattro ex sindaci di Milano.
Si tratta di Tognoli, Pillitteri, Borghini e Formentini: verso il rinvio a giudizio

E’ stata chiusa l’inchiesta sull’amianto nel teatro alla Scala e sulle relative morti di otto dipendenti. Tra le undici persone che ora saranno, con ogni probabilità, rinviate a giudizio figurano l’ex sovrintendente Carlo Fontana e quattro ex sindaci di Milano: Carlo Tognoli, Paolo Pillitteri, Giampiero Borghini e Marco Formentini. Gli altri indagati sono due ex direttori dell’allestimento scenico, un ex direttore tecnico, un ex capo dell’ufficio tecnico e altre due persone.
I dipendenti sono deceduti per mesotelioma pleurico o tumore ai polmoni. Altri tre lavoratori sono attualmente malati, tra cui un pianista. Gli ex sindaci sono indagati in quanto è proprio il primo cittadino in carica a presiedere il consiglio d’amministrazione dell’ente scaligero. Da questo punto di vista, Tognoli, Pillitteri, Borghini e Formentini avrebbero dovuto vigilare sulla tutela ambientale.Il caso delle morti per amianto alla Scala fece parlare di sé anche per iniziativa del sindacato Cub, che denunciò pubblicamente la situazione all’indomani del decesso – per mesotelioma pleurico – dell’ex vigile del fuoco Roberto Monzio Compagnoni, per anni caposquadra nel teatro milanese. Era la terza morte che fu possibile far risalire all’amianto. L’ultima morte conosciuta, l’ottava, è di novembre 2015.

Una bonifica dell’amianto

in alcuni locali luce era stata eseguita nel 2009. In quella occasione, il Loggione rimase chiuso per un po’. E questo nonostante la completa ristrutturazione dei primi anni Duemila. Secondo il Cub, di amianto la Scala era piena «un po’ dappertutto», a partire dal sipario centrale. Le ultime tracce sarebbero state rimosse poco prima dell’inizio di Expo 2015.

vedi anche articolo d’interesse
http://www.pmi.it/economia/lavoro/news/114031/pensione-nuova-maggiorazione-amianto-domanda.html

Vittime amianto: domanda di pensione agevolata<!–

Maggiorazione contributiva del 25% ai fini della pensione per lavoratori delle ferrovie esposti all’amianto: domanda, scadenze e istruzioni INPS.

amianto ferrovie
I lavoratori del settore ferroviario esposti all’amianto, per ottenere le agevolazioni contributive utili  al calcolo della pensione, devono presentare domanda entro il primo marzo: lo comunica l’INPS correggendo la precedenza scadenza (29 febbraio), contenuta nel messaggio 587/2016. Si tratta del beneficio riconosciuto dalla Legge di Stabilità, legge 208/2015, contenuto nel comma 277.

=> Novità per la pensione in Legge di Stabilità 2016

I destinatari sono:

«lavoratori del settore della produzione di materiale rotabile ferroviario che hanno prestato la loro attività nel sito produttivo, senza essere dotati degli equipaggiamenti di protezione adeguati all’esposizione alle polveri di amianto, per l’intero periodo di durata delle operazioni di bonifica dall’amianto poste in essere mediante sostituzione del tetto».

Il beneficio previdenziale consiste in una maggiorazione contributiva del 25%, valida solo per la misura della pensione, in base all‘articolo 13, comma 8, della legge 257/1992: si tratta dell’agevolazione per lavoratori esposti all’amianto per oltre dieci anni, ora estesa alla platea sopra indicata per tutto il periodo corrispondente alle operazioni di bonifica.

=> Vittime amianto: sussidio INAIL una tantum

Per ottenere la maggiorazione contributiva è necessario presentare specifica domanda, entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di Stabilità, quindi, entro il primo marzo. Sul sito INPS è disponibile la procedura telematica per presentare l’istanza, “Verifica del diritto alla maggiorazione amianto legge 208/2015“, sia per il contribuente sia per i patronati.

E’ importante indicare il sito produttivo ed il periodo temporale di esposizione cui fa riferimento la norma, compilando gli specifici campi del pannello dichiarazioni.

Fonte: INPS

Immagine Shutterstock

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

 

Powered by R*