Il Sottoscala Per Abbado un Albero in Piazza Scala

4 Febbraio 2010

RIFORMA DELLE FONDAZiONI LIRICHE. Alcuni Punti Spuntano e Pungono

Filed under: Uncategorized — Tag: — Lavoratoriscala @ 15:17
Bondi al Senato sulla riforma delle fondazioni liriche.

Generale riduzione dei costi del personale. "Mi rendo conto che l’eventuale blocco del turn-over è un provvedimento duro, ma in fase riorganizzativa generale sarà necessario e sopportabile”.

Attribuire ad un unico soggetto a livello centrale la rappresentanza dei datori di lavoro.

“Non può ulteriormente tollerarsi, la deroga ormai sistematica del contratto nazionale da parte dei contratti integrativi,"

"Ritengo, inoltre, necessario assicurare una più proficua utilizzazione del personale, in linea con gli indirizzi generali di stabilità economico-finanziaria”.

"Non è possibile che formazioni parallele vedano protagoniste le stesse maestranze al di fuori dell’ente, con manifestazioni autonome".

"L’età pensionabile dei ballerini e dei tersicorei, che a mio parere va portata, così come già previsto in molti Paesi europei, dagli attuali 52 a 45 anni."

L’articolo completo

4 FEBBRAIO 2010 – Il ministro Sandro Bondi è intervenuto ieri alla VII commissione del Senato per riferire sulla riforma delle fondazioni liriche. “In via immediata – ha esordito il ministro – per l’esigenza di assicurare un adeguato contenimento dei costi, credo sia necessario riformare il sistema di contrattazione collettiva delle fondazioni liriche, attribuendo ad un unico soggetto a livello centrale la rappresentanza dei datori di lavoro. Mi riferisco in particolare al deprecabile fenomeno della frammentazione della contrattazione che reca disomogeneità e malfunzionamenti all’interno delle fondazioni".

"Il ministero – ha continuato Bondi – dovrà provvedere a fornire gli indirizzi per la stipula di un nuovo contratto collettivo che sia più attento ai profili di razionalità economico-finanziaria e sia volto a migliorare i risultati della gestione. Così facendo intendo reintrodurre una disposizione normativa che attribuisca ad un unico soggetto centrale la rappresentanza negoziale della parte datoriale, poiché le fondazioni lirico-sinfoniche sono da ritenersi organismi di diritto pubblico, finanziati in larga parte da soggetti pubblici quali Stato, Regioni, Province e Comuni. Ciò al fine di assicurare la corretta allocazione delle risorse pubbliche e migliorare l’efficienza e l’efficacia delle procedure della contrattazione collettiva, sia a livello nazionale, sia a livello integrativo”.

“Non può ulteriormente tollerarsi – ha aggiunto Bondi – la deroga ormai sistematica del contratto nazionale da parte dei contratti integrativi, così come la giungla retributiva e normativa che vede la produttività delle singole fondazioni liriche ai livelli più bassi d’Europa, rispetto a trattamenti economici di tutto rispetto. Il trattamento integrativo in godimento dovrà essere commisurato alla reale produttività del dipendente, anche a costo di drastiche riduzioni dei costi dell’integrativo nel futuro”.

“Credo inoltre – ha detto ancora il ministro – che la riforma debba tener contro della non omogeneità che si riscontra nel variegato panorama delle fondazioni, anche attraverso il riconoscimento di una particolare autonomia a quelle istituzioni che rivestono connotati peculiari. Non si tratta nella maniera più assoluta di costituire graduatorie o eccellenze. Non permetterò mai che si parli di fondazioni di serie A e di serie B. Al contrario, bisogna delegificare l’intera materia emanando regolamenti che tengano conto delle specificità di ogni fondazione lirica, stabilendo, a seconda della tradizione, della storia, della produttività e del ruolo assunto in Italia ed all’estero di ognuna, un livello maggiore o minore di autonomia rispetto ai tradizionali poteri ministeriali. E’ poi necessario confermare, anche a livello regolamentare, l’attuale assetto che vede gli enti territoriali protagonisti della gestione di questi enti. E’ ora, pertanto, di annullare l’intensa ed affastellata legislazione sulle fondazioni emanando una vera e propria legislazione che riordini l’intero settore. Ritengo, inoltre, necessario assicurare una più proficua utilizzazione del personale, in linea con gli indirizzi generali di stabilità economico-finanziaria”.

“A questo scopo – ha osservato il ministro – occorre contemperare la possibilità per il personale di svolgere attività di lavoro autonomo con le esigenze produttive delle fondazioni, come oggi avviene, ma tenendo in estremo conto le esigenze produttive di ogni fondazione. Non è possibile che formazioni parallele vedano protagoniste le stesse maestranze al di fuori dell’ente, con manifestazioni autonome. Ovvero potrà essere possibile all’interno di una seria contrattazione di primo livello che tenga conto delle esigenze del datore di lavoro al pari di quelle dei dipendenti. D’altro canto è necessaria una generale riduzione dei costi del personale attraverso il meccanismo del turnover e la possibilità per le fondazioni di avvalersi, compatibilmente con i vincoli di bilancio, delle tipologie contrattuali e delle forme di organizzazione del lavoro disciplinate dalla legge Biagi. Mi rendo conto che l’eventuale blocco del turn-over è un provvedimento duro, ma in fase riorganizzativa generale sarà necessario e sopportabile”.

“In tale ambito si inserisce – ha proseguito il ministro – la tematica dell’età pensionabile dei ballerini e dei tersicorei, che a mio parere va portata, così come già previsto in molti Paesi europei, dagli attuali 52 a 45 anni. Insisterò a livello governativo per riuscire in questa impresa di cui si parla da anni”.

Dibattito in Senato sulle fondazioni. Pd e Idv per disegno di legge.

4 FEBBRAIO 2010 – Le opposizioni chiedono un disegno di legge e non un decreto sulle fondazioni liriche. E’ quanto emerge, dal dibattito nella VII commissione del Senato, dopo l’intervento del ministro Bondi ). Fabio Giambrone (Idv), dichiara che dall’intervento del ministro si deduce esclusivamente una vaga idea di riforma, senza tuttavia avere notizia di azioni concrete e chiede in particolare maggiori dettagli circa gli indirizzi che il governo intende assumere sulla contrattazione collettiva. Per Giambrone, inoltre una differenziazione tra fondazioni rischia di corrispondere a una presunta graduatoria di eccellenza. 

 Il senatore Vincenzo Vita (PD) domanda se il ministro intende adottare, per le fondazioni, un provvedimento emergenziale oppure un disegno di legge organico; solo in quest’ultimo caso, sottolinea, sarebbe possibile un approfondimento ed una verifica tra gli schieramenti. Chiede inoltre quali saranno le risorse che accompagneranno il riordino, evidenziando la necessità di offrire una speranza al settore, altrimenti, si compirà una mera razionalizzazione. Quanto al contenuto del preannunciato provvedimento, tiene a precisare che la disciplina dei livelli contrattuali va rapportata alla specificità della produzione artistica e culturale degli enti lirici per i quali spesso le soglie economiche nazionali non sono sufficienti. 

E’ cruciale, per il senatore Andrea Marcucci (Pd), introdurre a favore delle fondazioni liriche nuove forme di deducibilità fiscale, onde non incorrere negli stessi limiti della riforma del 1996. Per un confronto sul tema occorre tuttavia, a suo avviso, un maggiore dettaglio rispetto all’esposizione di Bondi. In particolare, sarebbe utile discutere sulle misure più idonee a coinvolgere le Regioni e le fondazioni bancarie, ad assicurare il pareggio di bilancio, a conferire maggiori poteri ai revisori. Anche Marcucci si augura che il governo scelga la via di un disegno di legge ordinario, e quanto all’ipotesi di distinguere fra fondazioni di "serie A" e di "serie B", registra con soddisfazione l’intento del ministro di non operare nessuna sperequazione. 

Il senatore Antonio Rusconi (Pd) ritiene che Bondi abbia sostanzialmente inteso giustificare la riduzione dei finanziamenti al settore per quest’anno e per gli anni venturi. Egli si sarebbe invece atteso una prospettiva di ampio respiro.

Per la maggioranza, il senatore Giuseppe Valditara (PdL) esprime apprezzamento per il quadro delineato dal ministro Bondi, che si propone una riorganizzazione autenticamente liberale di un settore di sua competenza. In particolare, dichiara di condividere la prospettiva di retribuzioni legate alla produttività. Afferma anche di non aver alcun timore a distinguere fra fondazioni di "serie A" e di "serie B" per far emergere le eccellenze, ponendo fine a perniciosi egualitarismi.

Il senatore Mario Pittoni  (Lega) si sofferma sul pensionamento dei ballerini, domandando al ministro quali garanzie economiche avrebbe questa categoria di lavoratori se andasse in pensione così anticipatamente rispetto agli altri.

Il senatore Franco Asciutti (PdL) giudica marginale la scelta fra strumento di urgenza e disegno di legge ordinario, ritenendo prioritario intervenire per la riforma del settore lirico e manifesta piena condivisione sulla proposta del ministro di disciplinare più efficacemente i contratti integrativi che, ribadisce, devono seguire e non precedere il contratto nazionale.
Spettacolo dal vivo: Bondi sui nuovi criteri di finanziamento.

4 FEBBRAIO 2010 – Nel corso del suo intervento di ieri al Senato , il ministro Sandro Bondi (foto) ha illustrato anche i nuovi criteri a cui si ispirerà il finanziamento di tutto lo spettacolo dal vivo. “Occorre razionalizzare – ha detto – l’intero sistema di finanziamento statale destinato agli organismi dello spettacolo dal vivo, rideterminando i criteri selettivi di assegnazione dei contributi agli organismi di spettacolo, tenendo conto delle attività svolte e rendicontate, dei livelli quantitativi e dell’importanza culturale della produzione svolta, della regolarità gestionale degli organismi, nonché degli indici di affluenza del pubblico".

"Si dovrebbe, a mio parere – ha aggiunto il ministro – rendere ancora più selettivi e trasparenti i criteri da adottare per il finanziamento alle attività di musica, di danza, di prosa e dei circhi e spettacoli viaggianti."  

Legislatura 16º – 7ª Commissione permanente – Resoconto sommario n. 165 del 03/02/2010

dopo clicca su documento completo (52k)


15 Comments »

  1. Fondazioni liriche: Slc, grave decreto senza sindacati
    “Apprendiamo dall’Ansa le prime indiscrezioni sul più volte annunciato decreto legge sulle Fondazioni Lirico Sinfoniche. Riteniamo fatto grave che un ministro della Repubblica possa procedere con un decreto legislativo su un settore delicato e complesso come questo senza minimamente consultare le organizzazioni sindacali né le associazioni di categoria”. A dirlo in una nota è il segretario generale Slc Cgil, Emilio Miceli

    “Infatti i temi annunciati e illustrati dal ministro Bondi
    – prosegue il sindacalista – hanno il profilo disordinato e confusionario di chi non si rapporta con le parti sociali. Come già accaduto con il “decreto Asciutti” nella XIV legislatura, i provvedimenti, se confermati, porterebbero il settore a una sua forte involuzione e destrutturazione. Ribadiamo – conclude Miceli – che se si interverrà sulle prerogative e titolarità negoziali delle parti sociali per vie legislative risponderemo immediatamente con l’occupazione delle Fondazioni Lirico Sinfoniche”.

    Commento di anonimo — 5 Febbraio 2010 @ 18:06

  2. Come sempre

    Commento di anonimo — 6 Febbraio 2010 @ 10:21

  3. Come sempre ci va di mezzo il personale, il problema maggiore è il loro costo per far funzionare il settore.
    Soluzione: “subito vincoliamo l’integrativo e imponiamo il blocco delle assunzioni (turn-over), assicuriamoci una più proficua utilizzazione del personale”e rendiamoli flessibili al massimo.
    Pensate di risolvere il problema cosi?
    Chi pretende di riformare seriamente un sistema deve intervenire prima di tutto togliendo di mezzo tutti gli incompetenti di funzionari, dirigenti e sovraintendenti che ci hanno portato a questa situazione, chissà mai siano più bravi di noi e possano  sostituirci in palcoscenico con un contrattino ogni tanto da precario a chiamata di 5° livello con una nuova paga base riformata da miseria.

    Commento di anonimo — 6 Febbraio 2010 @ 10:27

  4. IL DECRETO USCIRA’ SOLO DOPO LE REGIONALI, SI ACCETTANO SCOMMESSE.

    Commento di anonimo — 21 Febbraio 2010 @ 18:25

  5. Mentre il Segretario Nazionale SLC-CGIL minaccia fuoco e fiamme (ma chi ci crede?)  contro il decreto Bondi la CGIL della Scala, congiuntamente a Cisl, Uil e al Corpo di Ballo chiede, in un comunicato, l’emanazione rapida della riforma delle Fondazioni Lirico-Sinfoniche.
    Qualcuno, come sua consolidata abitudine, bara, indovinate chi?

    Commento di anonimo — 22 Febbraio 2010 @ 17:40

  6. sport direct franowo

    RIFORMA DELLE FONDAZiONI LIRICHE. Alcuni Punti Spuntano e Pungono « Il Sottoscala

    Trackback di sport direct franowo — 28 Novembre 2019 @ 01:34

  7. http://nuplaylist.com

    RIFORMA DELLE FONDAZiONI LIRICHE. Alcuni Punti Spuntano e Pungono « Il Sottoscala

    Trackback di http://nuplaylist.com — 4 Dicembre 2019 @ 11:56

  8. sportowe fakty

    RIFORMA DELLE FONDAZiONI LIRICHE. Alcuni Punti Spuntano e Pungono « Il Sottoscala

    Trackback di sportowe fakty — 5 Dicembre 2019 @ 16:24

  9. sportowe fakty koszykówka

    RIFORMA DELLE FONDAZiONI LIRICHE. Alcuni Punti Spuntano e Pungono « Il Sottoscala

    Trackback di sportowe fakty koszykówka — 8 Dicembre 2019 @ 16:55

  10. утепление фасада минватой

    RIFORMA DELLE FONDAZiONI LIRICHE. Alcuni Punti Spuntano e Pungono « Il Sottoscala

    Trackback di утепление фасада минватой — 16 Settembre 2020 @ 14:25

  11. собаку укусил клещ симптомы и лечение

    RIFORMA DELLE FONDAZiONI LIRICHE. Alcuni Punti Spuntano e Pungono « Il Sottoscala

    Trackback di собаку укусил клещ симптомы и лечение — 23 Settembre 2020 @ 19:53

  12. свечи от геморроя при беременности

    RIFORMA DELLE FONDAZiONI LIRICHE. Alcuni Punti Spuntano e Pungono « Il Sottoscala

    Trackback di свечи от геморроя при беременности — 24 Settembre 2020 @ 00:19

  13. средство от клещей для собак

    RIFORMA DELLE FONDAZiONI LIRICHE. Alcuni Punti Spuntano e Pungono « Il Sottoscala

    Trackback di средство от клещей для собак — 24 Settembre 2020 @ 22:38

  14. erectile wow video
    erectile male enhancement
    erectile doctor memphis tn

    Commento di ed meds — 17 Novembre 2020 @ 13:15

  15. erectile dysfunction causes
    ace inhibitors erectile dysfunction
    erectile implant surgery

    Commento di ed medication — 19 Novembre 2020 @ 17:16

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

 

Powered by R*