Il Sottoscala Per Abbado un Albero in Piazza Scala

21 Luglio 2011

Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo.

Filed under: Uncategorized — Tag: — Lavoratoriscala @ 13:49

Un esproprio senza precedenti nei confronti dei ceti popolari  che farà aumentare ulteriormente la povertà.

La manovra del governo approvata da Senato e Camera taglia pesantemente i redditi di lavoratori e pensionati che si trovano ancora una volta a pagare per tutti le scelte di politica economica attuate negli anni scorsi.

Con la manovra vengono rapinati oltre 2.000 euro all’anno dai già magri redditi di lavoratori e pensionati. Si tratta di un esproprio senza precedenti nei confronti dei ceti popolari  che farà aumentare ulteriormente la povertà

I ricchi anche questa volta non pagano; banche, finanza e i padroni hanno ricevuto tutti gli aiuti possibili, li hanno intascati e han continuato a fare lo stesso di prima, peggio di prima. In Italia il 10% delle famiglie si appropria del 45% di tutta la ricchezza.

I principali tagli: Sanità: aumento dei tichets con di 10 euro per le visite specialistiche e 25 euro per il ricorso al pronto soccorso; fisco ridotta la possibilità di detrarre le spese dalla denuncia dei redditi ( -5% nel 2013 e -25% dal 2014 ): pensioni:aumenta l’età pensionabile e si riduce la rivalutazione annua delle pensioni; riduzione di 16,5 m.di dei trasferimenti agli enti locali che a loro volta è probabile che attuino altri tagli alle prestazioni sociali.

Inoltre con la manovra  il governo, dopo  il mancato rinnovo del contratto 2010-2012 del Pubblico impiego, ora  fa seguire il congelamento degli stipendi fino al 2014 , licenziando i precari e reiterando il blocco ormai ventennale delle assunzioni.

Cub ritiene indispensabile dar vita ad un ampio schieramento a partire dal sindacalismo di base, aperto a quanti condividano una lotta, per il rovesciamento del modello di sviluppo fondato su  finanza, competitività e produttività,  a favore di un sistema fondato sui beni comuni.  Quello che hanno chiesto i 27 milioni di cittadini che hanno votato ai referendum.

Gli obiettivi da mettere alla base della lotta
·    Introduzione di una patrimoniale (es. 0,10%) sui grandi patrimoni ( es. del 20% più ricco) che consentirebbe di evitare i tagli ai ceti popolari, di avviare un circolo virtuoso di riduzione del debito e il recupero di risorse per rendere stabili i lavori precari, migliorare le pensioni e fare investimenti.
·    Attuare misure per contrastare l’evasione fiscale che ammonta a 120 mdi di tasse annue non versate.
·    Tagliare le spese per la guerra revocando l’acquisto dei caccia bombardieri F 35 che hanno un costo di 16 miliardi e eliminare le spese di guerra e quelle  militari in genere che ammontano a decine di  mld annui.
·    Potenziare la sanità pubblica, eliminare i tichet spostando le risorse oggi utilizzate per il business della sanità privata.
·    Tagliare tutti i veri sprechi nella spesa pubblica, le inutili grandi opere, le consulenze, gli stipendi  d'oro  le burocrazie politiche inutili i costi eccessivi della politica e delle clientele.

 Dinnanzi agli effetti devastanti indotti dal modello di sviluppo basato sulle politiche liberiste i responsabili della crisi non trovano di meglio che accentuare le pulsioni autoritarie per imporre una drastica riduzione delle libertà e dei diritti per la classe operaia e i ceti popolari.

A questa impostazione risponde appieno l’accordo stipulato martedì 28 giugno tra Confindustria e cgil-cisl-uil e ugl sulla validità erga omnes degli accordi e sulla rappresentanza che non solo è ingiusto , ma è inutile e dannoso perché  espressione di quella politica liberista che ha fallito. Un accordo che non a caso è stato salutato con entusiasmo dal ministro delle tasse.

La possibilità di non continuare a subire peggioramenti e perdita di tutele e diritti esiste ed è nelle mani dei lavoratori che devono decidere se continuare a farsi rappresentare da cgil-cisl-uil e ugl o se organizzarsi con la Cub (il più importante sindacato di base del nostro paese), molti lavoratori lo stanno facendo, non far mancare il tuo contributo.
Milano 18 luglio 2011

CUB – Confederazione Unitaria di Base

11 Comments »

  1. L’accordo stipulato martedì 28 giugno tra Confindustria, cgil-cisl-uil e ugl, nega ai lavoratori l’esercizio delle più elementari libertà sindacali nei luoghi di lavoro07-07-2011
    TESTO DELL'ACCORDO CONFINDUSTRIA CGIL CISL UIL DEL 27 06 2011  .pdf

    L’accordo stipulato martedì 28 giugno tra Confindustria, cgil-cisl-uil e ugl, nega ai lavoratori l’esercizio delle più elementari libertà sindacali nei luoghi di lavoro, cancella la possibilità per i lavoratori di decidere sui problemi che li riguardano direttamente.
    Dinnanzi agli effetti devastanti indotti dal modello di sviluppo basato sulle politiche liberiste i responsabili della crisi non trovano di meglio che accentuare le pulsioni autoritarie per imporre una drastica riduzione delle libertà e dei diritti per la classe operaia e i ceti popolari.
    A questa impostazione risponde appieno l’accordo stipulato martedì 28 giugno tra Confindustria e cgil-cisl-uil e ugl sulla validità erga omnes degli accordi e sulla rappresentanza.

    L’accordo lascia mano libera al padronato nella gestione del rapporto di lavoro; prevede la possibilità di peggiorare con Rsu e Rsa i trattamenti previsti dal contratto nazionale. Gli accordi sono validi se firmati dalla maggioranza delle Rsu, elette con gli attuali criteri o  dalle Rsa.
    In sintesi l’accordo rafforza il monopolio della rappresentanza in capo a cgil-cisl-uil e il potere di Confindustria nel decidere chi rappresenta i lavoratori.
    L’accordo accentuerà la propensione di cgil-cisl-uil a non procedere alle elezione delle Rsu (in alcuni contratti è già oggi negata la possibilità di indire le elezioni, prevista dall’accordo interconfederale del 1993, per le organizzazioni diverse da cgil-cisl-uil).

    Sono considerate rappresentative le organizzazioni che raggiungono il 5% della media tra le deleghe di iscrizione rilasciate alle aziende e i voti ottenuti nelle elezioni delle Rsu riferito al totale dei lavoratori della categoria cui si applica il contratto nazionale di lavoro. Non è chiaro se le aziende accetteranno le deleghe di iscrizione ai sindacati diversi da quelli firmatari dell'accordo.
    In questa situazione è evidente che la consultazione dei lavoratori proposta dalla Fiom e decisa dalla cgil rischia di aggiungere al danno la beffa.
    Quello che è in discussione infatti non è un problema che ha a che fare con il metodo (la democrazia formale), ma di contenuti.

    La consultazione è improponibile perché l’accordo attenta ai diritti che hanno a che fare con la libertà sindacale nei luoghi di lavoro, diritti indisponibili anche per la maggioranza dei lavoratori.
    Tra l’altro non esiste la minima possibilità di una consultazione democratica. Le ultime consultazioni dei lavoratori sono state una colossale presa in giro con dati inventati. In particolare quelli riguardanti la partecipazione dei lavoratori delle piccole imprese, degli edili e dei pensionati.
    Solo gli sprovveduti, gli orfani della cgil e gli utili idioti hanno potuto nei mesi scorsi scambiare la posizione della cgil come alternativa a quella del padronato e di cisl e uil; oggi è evidente a tutti che la cgil aveva l’unico obbiettivo di riprendere un ruolo nei confronti di padronato e governo.

    L’accordo ha in se un elemento che ne può determinare la sua inapplicabilità nel giro di poco tempo: gli accordi con una maggioranza del 50%+1 dei consensi. Per gestire una comunità di lavoratori serve il consenso vero e non estorto o presunto della maggioranza dei lavoratori.
    Cub da tempo propone di non assegnare ai lavoratori non coinvolti direttamente da contenuti degli accordi il potere di decidere attraverso il voto (palese o segreto) su questioni che riguardano altri gruppi di lavoratori, può essere il caso degli impiegati quando si tratta di decidere su problemi che riguardano gli operai o viceversa o della collocazione in cassa/licenziamenti di un gruppo di lavoratori, al trattamento previsti per chi compie lavori usuranti; ai turnisti ecc).

    La libertà nei luoghi di lavoro è un tema scarsamente considerato dai molti che quasi ogni giorno sproloquiano sui media o nel dibattito politico sulla libertà e la democrazia.
    Dando per credibile la buona fede, è evidente che questa sottovalutazione è funzionale alla drastica cancellazione delle libertà nei luoghi di lavoro i cui effetti sulla democrazia nel paese e sulla politica economica e sociale possiamo facilmente prevedere.
    Se 20 milioni di lavoratori sono privati per la maggior parte della loro vita attiva degli elementi fondanti una democrazia è evidente che questo avrà conseguenze dirette sull’introduzione di norme limitanti la democrazia nel paese.

    Cub ritiene si possa parlare di esistenza della libertà sindacale nei luoghi di lavoro solo con agibilità universali per i lavoratori (diritto di sciopero, di riunione, di organizzazione, di decisione sulle questioni sindacali, l’elezione democratica dei delegati aziendali e della delegazione trattante ecc)

    Per la rappresentatività delle organizzazioni le soglie devono essere previste a partire dal livello aziendale a quello provinciale, regionale e nazionale con indici decrescenti.
    Cub ritiene indispensabile dar vita ad un ampio schieramento a partire dal sindacalismo di base, aperto a quanti condividano proposte per rendere effettiva la libertà sindacale nei luoghi di lavoro per dar vita ad un ampio movimento di lotta per contrastare l’accordo liberticida e nel contempo verificare la fattibilità di un percorso legislativo che ripristini democrazia e libertà sindacali.

    La possibilità di non continuare a subire peggioramenti e perdita di tutele e diritti esiste ed è nelle mani dei lavoratori che devono decidere se continuare a farsi rappresentare da cgil-cil-uil e ugl o se organizzarsi con la Cub (il più importante sindacato di base del nostro paese), molti lavoratori lo stanno facendo, non far mancare il tuo contributo.

    Milano luglio 2011

    CUB – Confederazione Unitaria di Base

    Commento di unlavoratore — 21 Luglio 2011 @ 13:56

  2. Convegno sulla libertà nei luoghi di lavoro e rappresentanza.

    Sala della Mercede Roma 30 giugno 2011 (Relazione introduttiva di P.Giorgio Tiboni e i VIDEO di tutti gli interventi)

    GUARDA I VIDEO

    PRENDI LA RELAZIONE INTRODUTTIVA di Piergiorgio Tiboni .zip

    VIDEO 01 – Giuseppe Rippa – Libertà sindacale e rappresentanza

    VIDEO 02 – Piergiorgio Tiboni – Libertà sindacale e rappresentanza

    VIDEO 03- Giuseppe Marziale – Libertà sindacale e rappresentanza
    audio del convegno "Libertà sindacali nei luoghi di lavoro e rappresentanza"
    registrato da RADIO RADICALE

    Commento di unlavoratore — 21 Luglio 2011 @ 13:58

  3. imagine, όταν θα βγάλουμε εισητήριο για την Βαλχάλα, όχι μόνο δεν θα μας αφιερώσουν τραγούδι αλλά θα ψάχνουνε τον τάφο μας ν’ αποπατήσουν!Χωρίς συναίσθημα λοιπόν!…Not me baby! When I go, I go my own way! I prefer to go with a gun in my hand, bulelt in my chest, blood in my mouth…Shannon to JullyFrederick Forsythe “The dogs of war”

    Commento di Dion — 11 Luglio 2013 @ 07:51

  4. kumpulan Bandarqq

    Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo. « Il Sottoscala

    Trackback di kumpulan Bandarqq — 5 Novembre 2019 @ 09:32

  5. related resource site

    Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo. « Il Sottoscala

    Trackback di related resource site — 25 Novembre 2019 @ 18:49

  6. in.t.r.icat.e.ga.bn@lulle.sakura.ne.jp

    Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo. « Il Sottoscala

    Trackback di in.t.r.icat.e.ga.bn@lulle.sakura.ne.jp — 26 Novembre 2019 @ 22:52

  7. My Page

    Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo. « Il Sottoscala

    Trackback di My Page — 27 Novembre 2019 @ 05:55

  8. sportowe fakty żużel gkm

    Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo. « Il Sottoscala

    Trackback di sportowe fakty żużel gkm — 27 Novembre 2019 @ 21:47

  9. learn here

    Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo. « Il Sottoscala

    Trackback di learn here — 28 Novembre 2019 @ 09:36

  10. sportowe fakty żużel

    Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo. « Il Sottoscala

    Trackback di sportowe fakty żużel — 29 Novembre 2019 @ 19:29

  11. tunes-interiors.com

    Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo. « Il Sottoscala

    Trackback di tunes-interiors.com — 3 Dicembre 2019 @ 20:34

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

 

Powered by R*